La nostra Bellezza e Ricchezza

L'incontro di san Nicola con un messaggero dell'imperatore e il salvataggio miracoloso di un veliero - Fra Angelico
l’Europa per molti rappresentava una speranza, una casa comune, una garanzia, un obiettivo. Purtroppo però, da quando c’è l’Euro, tutto è stato meno che una unione di cittadini. In realtà tutto finora è stato fatto per le grandi multinazionali, annichilendo le piccole e medie imprese, delocalizzando le grandi, privatizzando le aziende sane, quelle strategiche e quelle di pubblica utilità e mettendo di conseguenza in ginocchio buona parte della popolazione europea.
Così è evidente che non può continuare. Ed è evidente il vantaggio competitivo delle aziende dei paesi virtuosi che si ritrovano sempre più forti economicamente, acquisiscono fette di mercato mantenendo un cambio commercialmente competitivo e calmierato dai paesi contabilmente più deboli. E la diseguaglianza tra i cittadini dei singoli stati europei aumenta.
I paesi più ricchi devono mettersi in testa che se vogliono mantenere questa competitività grazie all’Unione, devono scendere a patti con i paesi comunitari. Noi Italiani, per esempio, siamo fortunati, possediamo ancora molte ricchezze: bellezza, cultura, natura, ingegno…. e non siamo solo noi ad avere questi tesori. Purtroppo i nostri ultimi 3 governi (Monti, Letta e Renzi) sono andati nella direzione sbagliata e hanno peggiorato e ritardato le cose con tasse, rinvii, manovre, riforme e pagliativi vari, permettendo alla banda dei crucchiamericaniarabicinesilobbistidelqatzo di fregarci alcune eccellenze. Adesso cercheranno di sferrare nuovi attacchi con JPMorgan in prima fila che affiancherà lo Stato nelle prossime privatizzazioni. Per fare questo, la “Banca d’Affari”,  ha messo a capo della zona Europea uno che se ne intende di conti italiani, Vittorio Grilli, l’ex ministro economico di Monti e Letta. I prossimi mesi saranno decisivi, stiamo attenti. Dobbiamo imporci velocemente a Strasburgo, la politica economica comune e gli “Eurobond” non possono essere una chimera, sono necessari. L’ecologia è importante ma i Verdi possono attendere, il destino e i conti a breve termine devono essere condivisi tra tutti i paesi della comnunità altrimenti l’unione rimarrà solo un bel sogno. A questo deve servire eventualmente un accordo tra gli scranni del Parlamento Europeo.
Se poi, dovessimo tornare alla nostra Sovranità Monetaria, non riuscendo ad essere incisivi e convincenti in questo senso, dovremmo farlo prima possibile, prima che ci acquisiscano le aziende strategiche e i beni pubblici. I primi tempi saranno difficili ma non dobbiamo preoccuparci più di tanto, prima svaluteremo e prima torneremo ad essere competitivi. Il mercato farà i prezzi, da lì ripartiremo. Più bassi saranno e più forte ripartiremo. Noi siamo Made in Italy, lo abbiamo sempre fatto, non continuiamo a regalare bellezza e ricchezza a agli speculatori.

Informazioni su xsevents

http://www.facebook.com/profile.php?ref=name&id=1831337349
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...