Se il Socialismo è morto, la Socialdemocrazia è in fin di vita

bc7604d79d927b267d47d27ad4fbbadb_w600_h_mw_mh_cs_cx_cy

Le disuguaglianze sociali in questi ultimi anni si sono accentuate e 5Stelle e Lega hanno vinto le elezioni italiane fondamentalmente perché sono stati più credibili nei programmi per le risoluzioni delle problematiche socio economiche, che si evidenziano nella vita reale delle persone, rappresentando la speranza del cambiamento necessario. I partiti tradizionali sistemici, con la loro spocchiosa presunzione di essere i migliori/competenti, quando spesso sono stati scoperti con le mani nel sacco, e con il servilismo alle logiche di austerità imposte dall’Unione Europea, evidentemente, sono stati ritenuti responsabili della forbice allargata tra i ceti mediobassi e “l’Elite”.
L’Unione Europea, sempre più Germanocentrica, attenta e interessata più alla valuta e al mantenimento della competitività della locomotiva tedesca e dei paesi del nord che ad una distribuzione equa delle risorse, mantenendo paradossalmente paradisi fiscali all’interno della stessa Unione che inducono alla delocalizzazione di lavoro, tasse e capitale, ha fatto la sua parte, impoverendo paesi membri a vantaggio di altri e il PD e Forza Italia, nel turno elettorale,  sono stati percepiti come baluardi elettorali della classe agiata Radical Neoliberista del “Partito dei Parioli”, come etichettato da vari commentatori politici, ricevendo consensi relativi solo nei centri e nelle zone benestanti.

Approssimativamente, la rappresentanza della classe proletaria, precaria, disoccupata e con difficoltà sociali è passata dunque al M5S mentre gli interessi economici del logoro “motore” produttivo del Paese, espressa da quel che resta dei commercianti e dalle aziende di piccole dimensioni, continuamente “strozzate” da imposte e burocrazie, è andata a sostegno della Lega di Salvini.

Se si esclude salvataggi bancari e societari in rimessa, con disastrose gestioni in chiari conflissi di interesse, spesso salvaguardando gli stessi responsabili, la mancanza e la presunta impossibilità, per vincoli comunitari, di un vero intervento pubblico in economia, monetario, fiscale e di investimenti, ha ridotto lo spazio di manovra dei Governanti dei partiti sistemici, facendoli risultare non più credibili, oltre che incapaci di gestire equamente ed economicamente il Paese,  tra gli ultimi in Europa per crescita, debito e occupazione, nonostante la fase di espansione economica degli ultimi anni.

L’austerità in passato ha prodotto neonazismi ed è un vero rischio che abbiamo avuto e continuiamo ad avere e la marginalizzazione di componenti importanti della società ha comportato la nascita di tensioni che al momento sono state assopite soprattutto nel consenso di un movimento, pur con metodi democratici discutibili, e di un partito, come quello di Salvini, che insieme rappresentano la maggioranza degli italiani.

Sarebbe fondamentale, a questo punto, l’inclusione nel sistema e quindi al Governo, della rappresentanza di una massa di elettori che ha trovato nei 5Stelle una voce di protesta a queste politiche dissennate ottenendo una buona soluzione per arginare gli estremismi e rendere partecipe le persone ad un tentativo di processo di cambiamento che pare necessario, ripulendo il più possibile stanze di bottoni da conflitti d’interesse incancreniti e avviando strategie politiche ed economiche alternative.

Se il caro Partito Democratico prendesse coscienza di questo, già sarebbe qualcosa…

Informazioni su xsevents

http://www.facebook.com/profile.php?ref=name&id=1831337349
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...