L’Europa subito!

levianthan-map

Ora l’Europa Unita, ora è il momento di farne Una, il tempo è scaduto e il rischio è un salto nel buio, un possibile ritorno al 1914, un triste passato…
I Tedeschi e quelli del Nord Europa sono bravi. Sono più “ordinati” di noi, metodici
La Nostra Bellezza e la nostra creatività possono comprarle o rubarle, non gli appartiene
Una vera integrazione totale, politica ed economica conviene a tutti gli Europei e ci renderebbe migliori
L’Europa va fatta
Subito!

the_rape_of_europa_goya

Vittorio Zucconi
“La Repubblica“, 11 gennaio 2014
«Dall’alto della propria torre orgogliosa la Morte guardò il suicidio dell’isola nel mare ai suoi piedi». Fu questo verso di Poe che la storica Barbara Tuchman scelse per narrare il secolo del suicidio europeo cominciato nel 1914, l’anno fatale nel quale il continente più prospero, colto, sviluppato, civile, più egemone che il mondo avesse mai conosciuto, decise, per ragioni ancora inspiegabili, di autodistruggersi. L’Europa fu il Cavallo di Troia di se stessa. Implose — senza invasioni né attacchi, né orde di barbari — spalancando le porte della storia al Secolo Americano…
Edgar Allan Poe
La città del mare
Ecco! La morte s’è eretto un trono,
lontano, in una strana città adagiata
nella solitudine del tenebroso occidente,
dove il buono e il cattivo, il migliore e il peggiore
hanno raggiunto la loro pace eterna.
Qui basiliche, palazzi, torri
(torri imponenti, benché rose dal tempo!)
a nulla somigliano di ciò che è nostro.
Attorno, obliate dalle aure tempestose,
rassegnate sotto la cappa del cielo,
stagnano le acque malinconiche.
Dal sacro cielo non scende alcun raggio
sull’eterna notte di quella città,
ma su dal livido male una luce lieve
si spande sulle torrette silenziose,
splende i pinnacoli liberi e lontani,
i duomi, le guglie, le reggie,
i templi, le mura simili alle babilonesi,
le pergole dimenticate da tempo, ombrose,
d’edere scolpite e fiori di pietra,
sulle meraviglie d’infiniti altari
i cui fregi a ghirlanda intrecciano
la viola, la mammoletta e la vite.
Rassegnate sotto la cappa del cielo
stagnano malinconiche l’acque.
Castelli e ombre talmente si confondono
che tutto sembra pendere dal cielo;
mentre da una superba torre della città
la Morte domina, gigantesca.
Qui santuari dischiusi e tombe spalancate
sbadigliano a filo delle onde fosforescenti,
Ma né la ricchezza che là giace
negli occhi indiamantati d’ogni idolo,
né i morti ingioiellati a festa
smuoveranno le acque da quel letto;
E ahimè, nessun brivido increspa
la superficie di quel deserto vitreo,
né gonfiore d’onda rivela che ci siano venti
su qualche lontano mare felice,
né palpito alcuno indica che ci siano venti
su mari meno orribilmente tranquilli.
Ma ecco! Un soffio nell’aria,
un’oscillazione sull’onda!
Le acque hanno ora più rossastri bagliori,
cupe e fioche respirano le ore,
quando tra gemiti disumani,
giù, giù, nella città sprofondata;
l’inferno, sorgendo da mille troni,
le farà l’inchino.

 

 

Annunci
Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , ,

Sfida alla Democrazia

4twrInsomma una cosa è certa. La riforma è un grande pasticcio.
Il titolo V da’ in mano al famigerato “interesse nazionale” con quella clausola di supremazia, qualunque decisione strategica e a vedere come si sono mossi gli ultimi governi e Renzi in particolare con i suoi accordi (vedi JpMorgan e Multinazionali) e voti (tipo Verdini e De Luca e liste civiche collegate…) sarà nella direzione e in favore di interessi privati e di investitori particolari). Il senato non viene eliminato e rischia di essere una accozzaglia di “signorsi” e indagati… Le regioni a Statuto Speciale rimangono ,e anzi, le problematiche si complicano aumentando la differenza con le altre regioni e la composizione stessa del Senato per la conseguente complicazione dell’elezione dei consiglieri siciliani, trentini e gli altri “speciali” . Insomma mi sembra che le cose importanti siano come al solito ambigue e strumentali, abbastanza “fumose”, sbandierate con annunci e semplici slogan (come il “trappolone” del quesito referendario stesso) e le altre sono abbastanza marginali, compreso i fantasiosi risparmi… e intanto si continuano a sprecare soldi pubblici per municipalizzate aerei da guerra, pensioni d’oro ecc ecc e il debito e il peso finanziario degli italiani aumenta.

La Riforma che serve davvero all’Italia (e che non vogliono fare) è una migliore riforma fiscale per essere competitivi e farci ripartire. E una buona legge elettorale. Lasciate stare la Costituzione, il Titolo V e la clausola di Supremazia per favore… No a Inceneritori e Oleodotti per “interesse nazionale” (interesse di chi?) e la gestione della sanità si può, anzi si deve, ripensare, quella si.

Infine sarei curioso di sapere come gli attivisti per il SI, che tanto si sono battuti anche sui “social”,  vengono pagati (per rimborso spese?) a nero o da chi.
De Luca, Verdini e Cosentino salutano…

Non facciamo un passo indietro nella Democrazia per favore, non ci facciamo togliere diritti e sovranità ulteriori. Per noi, i nostri figli, per la gente per bene

Votiamo NO per favore

 

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Titolo V, Senato ed altre controversie Costituzionali

Voglio essere positivo, come del resto sono naturalmente. La bagarre Referendaria scatenata dalle due opposte fazioni, credo che un risvolto positivo lo abbia. In molti si sono avvicinati per la prima volta a certi temi riguardanti la “Carta Costituzionale”, argomenti complessi, che meritano, secondo me, attente valutazioni e confronti e non “voti di pancia” o sbrigativi slogan. Non è giusto infatti valutare questa riforma, riducendola ad un plebiscito pro o contro Renzi, anche se è sua la colpa di averla personalizzata e molti vedono di cattivo occhio la vicinanza del Matteo da Rignano con l’altro padre costituente Verdini e tutto il contorno di parenti e amici e di amici di parenti e amici, da quelli della JPMorgan a quelli della presunta P3. Ed è una questione di logica, dopo i favori fatti alle Società del Gioco d’Azzardo o ai famosi investitori internazionali a cui è stata spianata la strada, pensare automaticamente a disegni costituzionali mirati in tal senso. A proposito, perchè dovremmo rinunciare alla proprietà dei nostri beni comuni agevolando gli investitori esteri che benificiano di regimi di tassazione migliori dei nostri? Non sarebbe meglio rendere le nostre aziende maggiormente competitive equiparando almeno la pressione fiscale ad un livello medio europeo con una riforma seria anzichè dispensare mance e mancette a destra e a sinistra, disperdendo risorse inutilmente?

italia-puzzle

Ma andiamo nel merito, sicuri che cambiare tanto per cambiare non sempre porta bene anzi…

  • Prendiamo il Titolo V, cioè quella parte della Costituzione italiana in cui vengono “disegnate” le autonomie locali: comuni (province) e regioni, le loro spese a carico dello Stato e le loro mancate responsabilità. Dopo l’ultimo “cambiamento”, la rifoma “federalista” del 2001, abbiamo visto che la Sanità, per esempio, ha avuto una involuzione negativa e forse è davvero il caso di riportare sotto controllo diretto dello Stato tale capitolo. Discorso diverso, secondo me, riguarda l’energia e l’ambiente. Se vince il SI, le Regioni si ritroverebbero completamente tagliate fuori da certe decisioni. Per l’attuazione della “clausola di supremazia”, dispiacerebbe molto se facessero un inceneritore alle porte di una città, ci fosse una trivella vicina ad una nostra preziosissimo litorale o arrivasse un oleodotto sotto la spiaggia più amata per il famoso “interesse nazionale”. Che poi bisogna valutare se davvero è un interesse nazionale o un interesse privato spacciato come pubblica utilità. Insomma il problema è di fiducia, meglio il governo centrale o forse sono migliori gli amministratori locali che possiamo probabilmente controllare meglio, per certe questioni?
  • La Riforma del Senato… a prima vista sembra proprio che per un risparmio di poche decine di milioni (ben lontani secondo la ragioneria dello Stato dai 500 annunciati dalla Boschi) ci giochiamo l’eleggibilità dei senatori… Beh, non mi sembra un gran colpo, anche se il Governo annuncia un “testo finale” della riforma elettorale in cui inserirebbero la modalità con la quale definiscono l’elezione dei senatori… ma quale riforma elettorale, è ancora in pista l’Italicum? Mah… se vince il SI chissà cosa succede. Intanto la Costituzione sentenzia: “I Consigli regionali e i Consigli delle Province autonome di Trento e di Bolzano eleggono, con metodo proporzionale, i senatori tra i propri componenti e, nella misura di uno per ciascuno, tra i sindaci dei Comuni dei rispettivi territori”. Quindi, andranno in Senato chi avrà più voti tra i candidati senatori alle elezioni regionali oppure come decreta il ddl di riforma costituzionale ad eleggerli saranno comunque i Consigli Regionali e quindi i Partiti? … Non parliamo poi delle funzioni e compiti, che sembrano comunque molto gravosi e importanti per i nuovi Senatori. Pare che il Senato oltre ai disegni di legge costituzionali e ai disegni di legge non costituzionali, nei quali è esclusivamente organo di seconda lettura e di “proposta” di eventuali modifiche. abbia le seguenti funzioni: “raccordo” tra Stato ed enti territoriali (ma non sono riconosciuti significativi poteri, nell’ambito del procedimento legislativo, tali da garantire un’adeguata tutela delle istanze territoriali); partecipazione alla fase “ascendente e discendente” rispetto agli atti normativi comunitari (non tutti ma comunque significativi…); verifica dell’attuazione delle leggi statali e “valutazione dell’impatto delle politiche pubbliche sul territorio” (senza potere decisionale e senza tuttavia evitare rimpalli e “navette” del caso).Altra cosa non chiara è quanto lavoreranno questi senatori con doppi incarichi… si riuniranno una volta al mese? 2 alla settimana? Mi sembra davvero difficile possano svolgere bene un doppio incaric
  • Altro nodo è l’immunità parlamentare… I Consiglieri regionali che verranno eletti Senatori godranno di tale immunità e considerato l’esercito degli indagati presente in questa categoria di politici, non c’è da stare tranquilli…
  • Le Regioni a Statuto Speciale… Pare che i consiglieri senatori delle regioni a statuto speciale potrebbero non arrivare mai a sedersi sull’agognata poltrona per via del vigente art. 122 della Costituzione che prevede l’incompatibilità tra la carica di consigliere regionale e quella di parlamentare… le regioni a Statuto Speciale dovranno modificare con leggi costituzionali i loro Statuti prima dell’entrata in vigore della nuova Riforma.  L’adeguamento degli statuti regionali avverrà probabilmente in tempi molto lunghi, sia perché non è posto alcun termine di tempo entro cui tale adeguamento dovrà avvenire, sia perché l’adeguamento potrebbe segnare la rinuncia all’autonomia speciale… Non ci saranno problemi in tal senso vero?
  • Altro Tema dibattuto e interessante, ma non previsto dalla Riforma, è quello del “vincolo di mandato” per i parlamentari. E’ importante inserirlo? E’ giusto che un Parlamentare eletto con uno schieramento politico non possa cambiare “casacca”?
Aldilà di presunte semplificazioni e risparmi, questi e altri sono i motivi, come metodi, Nazareni e Voti di Fiducia, contrappesi vacillanti e pericolosi “combinati disposti”, per cui auspico che se dovesse vincere il NO, come io spero, si vada ad aprire una stagione di reale e leale confronto, di partecipazione e di condivisione di riforme, ad iniziare da quella Elettorale, che ci porti un nuovo Governo, finalmente legittimato dal voto di Italiani maggiormente consapevoli grazie anche a questo quesito referendario

.

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Andamento Mercato Azionario USA per Presidente

presid-usa

Immagine | Pubblicato il di | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

La Maison Emilio Pucci lascia la sede di Firenze… che tristezza!

emilio_pucci_pilot_episode_minisite_video_1

Una delle Aziende simbolo di Firenze lascerà la sua sede storica. Una nota della famosa Maison  riporta “La decisione della Emilio Pucci di trasferire i dipendenti della sede Fiorentina negli uffici di Milano è stata presa per riunire tutte le funzioni non produttive in un’unica sede. L’obiettivo è creare una maggiore efficienza e una migliore sinergia operativa. L’attività di Emilio Pucci, si concentrerà su due poli: uno produttivo, a Bologna, e l’altro, creativo e commerciale a Milano. Ai dipendenti della sede fiorentina sarà proposto il trasferimento a Milano”.

Purtroppo la Emilio Pucci come molte altre aziende prestigiose italiane, adesso è di proprietà di investitori internazionali, in questo caso della LVMH (Moet Hennessy Louis Vuitton proprietaria tra le altre anche di Bulgari, Fendi e Loro Piana) e queste sono le conseguenze di politiche economiche ottuse, per non pensare male e dire peggio.

Il Governo Renzi invece di abbassare le tasse per rendere più competitive le aziende italiane, continua ad abbassare il costo del lavoro, incentivando le multinazionali che, rilevando società e gioielli di Stato, offrono nuovi rapporti di lavoro remunerati in maniera peggiorativa per il dipendente.

Perdendo le proprietà delle risorse economiche, viene svuotato il Belpaese e il suo sistema produttivo di tutte le risorse economiche (e le tasse ormai le pagano solo i dipendenti), il debito pubblico inevitabilmente continua a salire, la Revisione della Spesa Pubblica è sempre più a carico dei lavoratori, mentre la spesa per Sanità, Assistenza e Previdenza continuano ad essere depauperate, l’Italia e gli italiani sono sempre più genuflessi e ricattabili dalle JPMorgan e Standars and Poor di turno. Se continuiamo così…

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Lettera al Presidente del Consiglio Matteo Renzi

Caro Matteo Renzi, anzi carissimo visto quanto ci costi,
voglio congratularmi con te per la scintillante Campagna Referendaria “senza badare a spese” che stai conducendo, confermando di essere un Grande Animale da palcoscenico che porterà all’esito plebiscitario ricercato con il Quesito Costituzionale.
Credo che, grazie ai mezzi economici e di Propaganda che hai messo in campo, alla fine prevarrà il Si e mi chiedo cosa farai dal 5 dicembre in poi.
Dopo aver fatto con “Successo” la Riforma del Lavoro, quella Fiscale(?), quella della Scuola, quella Elettorale (Cuperlo non riuscirà mai a farne approvare una diversa) e quella Costituzionale, spero che, come da Mandato Illuminato ricevuto, ti dimetta da Presidente del Consiglio e conduca il Popolo Italiano alle sacrosante Elezioni in cui potremmo finalmente riconoscere un Governo Legittimo.
Oppure intendi proseguire a fare Troiai con Alfano, Verdini & Co e magari rimettere sul carro i vari Berlusconi, Brunetta e Schifani alla faccia delle “Tue” Rottamazioni?
Con Disprezzo e Senza Stima per come hai operato e per quello che hai fatto soprattutto a livello Economico e Sociale finora
un saluto
G.C.
blog-4
Foto ripresa dalla prima pagina de “Il Fatto Quotidiano” del 13 ottobre 2016
Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Si compra bene adesso sul Mercato Azionario?

sell2gh
.

Un modo standard per fare una valutazione di mercato di una società o di un indice azionario è quello di valutare il coefficiente prezzo-utili (P/E) di riferimento e rapportarlo con i guadagni negli ultimi dodici mesi. Questo metodo è matematico ma parziale, ignora bilanci di previsione, spesso basati su pii desideri, pregiudizi degli analisti e presupposti che si possono verificare sbagliati, oltre ad essere sempre in ritardo rispetto alla quotazione e perciò inattendibile soprattutto nei momenti di forte volatilità
Il leggendario economista Benjamin Graham nei lontani anni ’30 elaborò, in collaborazione con David Dodd, un miglior modo di valutazione impostato sulla media del P/E degli ultimi 10 anni. Il Premio Nobel Robert Shiller (autore tra l’altro di “Euforia Irrazionale”) poi lo ha reso più “commerciale” e popolare definendo il rapporto nel ciclo decennale CAPE o P/E10.   L’indice S&P Composite (al netto dell’inflazione), come mostra il grafico secolare sottostante, è molto correlato al P/E10

sp5
La media storica è del P/E10 è 16,7…. niente di scontato, tra l’altro è in costante aumento
Beh, ognuno tiri le sue logiche (o illogiche)  conclusioni…
un caro saluto
Gianluca Cecchini

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento